Lions Club Roma Augustus

Parliamo ai giovani di una storia troppo a lungo dimenticata

 News in pillole
  • Eliminare la povertà: da sogno a realtà “Io ho davanti a me un sogno, che i miei quattro figli piccoli vivranno un giorno in una nazione nella quale non saranno giudicati per il colore della loro pelle,...
  • L’orgoglio del “we serve” Il motto dei Lions “we serve” mi porta spesso a riflettere, ad interrogarmi in quale modo servire gli altri; mettersi a disposizione di, meglio prendersi cura e l’espressione anglosassone “take...
  • La ricetta per i nuovi soci! Davanti al condizionatore, in attesa della partita dell’Italia scambio quattro chiacchiere con Danilo, il past Governatore del nord, così lo chiamo! Sembra tanto distante il suo modo di fare “Lionismo”...
  • Il Banco Alimentare: un service, una opportunità! Riceviamo e volentieri pubblichiamo la testimonianza della nostra socia Federica Consolini. Il 13 maggio Lions Roma Augustus ha organizzato il servizio di raccolta di derrate alimentari da distribuire ai “più...
  • Derrate alimentari per i meno fortunati C’è un sottile filo che lega i Service dei Lions: la solidarietà. Essa si manifesta attraverso azioni di servizio umanitario, che sempre più, in questo periodo di pandemia, sono centrate...
  • I Lions nel Terzo Settore Riceviamo, dal socio Guido Stabile, e pubblichiamo, il di lui intervento al convegno sul terzo settore del 28 Febbraio 2021. In Italia l’Associazionismo trova la sua massima tutela nella Carta...
  • Conversazioni su Giustiniano Ancora una volta tanti amici hanno circondato di affetto, con la loro presenza, le conferenze del Lions Club Roma Augustus svolte durante l’AugustuSalotto di lunedì 19 Aprile. Lunedì 19 Aprile,...
  • Eletto il nuovo Consiglio Direttivo del Lions Club Roma Augustus Grande la partecipazione dei soci del Club, il 12 Aprile, all’assemblea on line durante la quale si sono tenute le elezioni per il rinnovo del Consiglio Direttivo del Lions Club...
  • Il teorema della qualità Metti insieme due amici in tempo di pandemia. Metti la impossibilità di incontrarsi. Metti la voglia di confrontarsi su tanti temi e sull’Associazione. Metti la pratica all’uso delle moderni sistemi...
  • Dove c’è un bisogno, lì ci sono i Lions! Eccoci! Grazie alla caparbietà della presidente Bruna Poletti, il Lions Club Roma Augustus mette un altro tassello, fondamentale, per aiutare ed alleviare le necessità di cittadini nel bisogno! Infatti con...
Parliamo ai giovani di una storia troppo a lungo dimenticata
febbraio 11
22:50 2020

Il Giorno del Ricordo è stato istituito nel 2004 allo scopo di «conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale»

Si celebra ogni anno il 10 febbraio, nello stesso giorno in cui, nel 1947, furono firmati i Trattati di Parigi, che assegnavano alla Jugoslavia l’Istria, il Quarnaro, la città di Zara con la sua provincia e la maggior parte della Venezia Giulia.

L’Istituto Statale d’Istruzione Superiore “Giuseppe Di Vittorio” di Ladispoli ha voluto celebrare il Giorno del Ricordo, grazie all’iniziativa promossa dalla Prof.ssa Sara Leonardi, Docente di Diritto dell’Istituto Alberghiero di Ladispoli e dalla Prof.ssa Antonella Mancaniello, Socia del Lions Club Roma Augustus. Lunedì 10 febbraio, nell’Aula Magna di via De Begnac, si è svolto il convegno che ha visto come relatore il Prof. Mariano Malavolta, Docente di Storia Romana dell’Università ‘Tor Vergata’ di Roma  e membro della Società Dalmata di Storia Patria, anch’egli Socio del Lions Club Roma Augustus.

A introdurre i lavori, con una descrizione del contesto storico di riferimento, è stata la Prof.ssa Lucia Denise Marcone, Docente di Lettere dell’Istituto Alberghiero di Ladispoli. In rappresentanza dell’Amministrazione Comunale di Ladispoli, c’era l’Assessore al Commercio e alle Attività Produttive Francesca Lazzeri, che ha sottolineato la complessità della storia del Novecento, ribadendo l’importanza di ricordare il tragico capitolo delle foibe, troppo a lungo negato e assente dai manuali scolastici e dai libri di storia.

L‘iniziativa si inserisce in un percorso formativo che ha come obiettivo quello di studiare eventi complessi che richiedono un adeguato approfondimento e la conoscenza precisa non solo della storia, ma anche della ‘geografia della storia’. Come già fatto in occasione della Giornata dedicata alle vittime della Shoah lo scopo è quello di educare le nuove generazioni a conoscere la propria storia, anche nelle sue pagine più drammatiche, per costruire una solida memoria collettiva.

FOIBE2Il Prof. Mariano Malavolta ha ricostruito la complessa vicenda storica delle terre istriane, fiumane e dalmate, dall’antica romanizzazione al dominio della Repubblica di Venezia per passare alla politica snazionalizzatrice e prevaricatrice della dittatura fascista e all’occupazione nazista durante la Seconda Guerra Mondiale, fino ad arrivare al drammatico capitolo delle foibe e al Trattato di Parigi del 1947. «In genere, la memoria alimenta la storia – ha osservato il Prof. Malavolta, invitando gli studenti a una conoscenza oggettiva e imparziale degli eventi del passato – ma stavolta la memoria è stata ‘soffocata’»

L’incontro si è concluso proponendo agli studenti l’intervento del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che il 10 febbraio 2007, a 60 anni dal Trattato di Parigi, ricordò agli Italiani l’importanza di alimentare la memoria storica, per costruire un presente e un futuro condiviso. “Da un certo numero di anni a questa parte – ricordava Giorgio Napolitano – si sono intensificate le ricerche e le riflessioni degli storici sulle vicende cui è dedicato il “Giorno del Ricordo” e si deve certamente farne tesoro per diffondere una memoria che ha già rischiato di esser cancellata, per trasmetterla alle generazioni più giovani,… Quel che si può dire di certo è che si consumò – nel modo più evidente con la disumana ferocia delle foibe – una delle barbarie del secolo scorso. Perché nel Novecento – l’ho ricordato proprio qui in altra, storica e pesante ricorrenza (il “Giorno della Shoah”) – si intrecciarono in Europa cultura e barbarie. E non bisogna mai smarrire consapevolezza di ciò nel valorizzare i tratti più nobili della nostra tradizione storica e nel consolidare i lineamenti di civiltà, di pace, di libertà, di tolleranza, di solidarietà della nuova Europa che stiamo da oltre cinquant’anni costruendo

Roberto Tamburi, Responsabile Marketing e Comunicazione di Club

Archivi