Lions Club Roma Augustus

Parliamo ai giovani di una storia troppo a lungo dimenticata

 News in pillole
  • Elena Appiani “Il service dei Lions al tempo del covid: la Cultura del Dono” Riceviamo e volentieri pubblichiamo il seguente articolo del Pdg Elena Appiani   I club service, soprattutto quelli legati ad un network internazionale, sono una importante risorsa per lo sviluppo economico e...
  • Essere Lions al tempo del Covid-19. Riceviamo e volentieri pubblichiamo una riflessione del PdG Giampaolo Coppola sull’esser Lions in tempo di pandemia.   Siamo purtroppo in un momento particolarmente critico della nostra vita associativa e personale....
  • Il Service: cos’è? Nelle lunghe disquisizione, spesso ci si imbatte in dubbi e criticità. Sovente mi capita di non aver chiaro il concetto di Service e per questo ho chiesto aiuto. Il Service...
  • Cosa sono i Lions? Grazie ad un caro amico Pdg che raccoglie i miei dubbi sull’associazione, per gioco è nato questo epistolario su alcuni temi associativi! Carissimo amico mio definire l’Associazione Lions Clubs International...
  • Antropocene: l’uomo e l’ambiente Nell’ambito del Tema di Studio Nazionale 2020/2021, Tutela dell’ambiente e sviluppo sostenibile – Acqua virtuale Necessità Reale, il Lions Club Roma Augustus ha organizzato il seminario on line attraverso cui,...
  • Il Service dei Lions al tempo del Coronavirus. Riceviamo dal PDG Danilo Francesco Guerini Rocco e volentieri pubblichiamo. Il service di prossimità Azioni di servizio sono oggi per i Club il più difficile scoglio da superare. Se è...
  • Il Poster per la Pace del Lions Club Roma Augustus Riceviamo dalla Responsabile di Club del Comitato “Poster Per la Pace” Giuliana Fida De Jorio e volentieri pubblichiamo. Anche quest’anno, malgrado la difficile situazione sanitaria, abbiamo potuto riproporre il concorso...
  • 32 anni del Lions Club Roma Augustus. La lettera del nuovo governatore eletto del Distretto 108L, Quintino Mezzoprete, ha efficacemente riassunto la straordinarietà dell’emergenza che tutti noi stiamo vivendo da qualche mese: “nell’era della massima globalizzazione, credendo...
  • Il Nuovo Blog del Lions Club Roma Augustus Cari Amici Soci e membri del LCI, siamo lieti di potervi informare della presenza, sul nostro sito, di un blog a disposizione per la libera espressione del pensiero libero di...
  • Premio Leone Augustus al tempo del coronavirus E’ tradizione del Roma Augustus chiudere l’anno sociale con l’assegnazione ad una famiglia bisognosa del “Premio Leone Augustus”. Questo anno con l’emergenza coronavirus le situazioni critiche sono aumentate e hanno...
Parliamo ai giovani di una storia troppo a lungo dimenticata
febbraio 11
22:50 2020

Il Giorno del Ricordo è stato istituito nel 2004 allo scopo di «conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale»

Si celebra ogni anno il 10 febbraio, nello stesso giorno in cui, nel 1947, furono firmati i Trattati di Parigi, che assegnavano alla Jugoslavia l’Istria, il Quarnaro, la città di Zara con la sua provincia e la maggior parte della Venezia Giulia.

L’Istituto Statale d’Istruzione Superiore “Giuseppe Di Vittorio” di Ladispoli ha voluto celebrare il Giorno del Ricordo, grazie all’iniziativa promossa dalla Prof.ssa Sara Leonardi, Docente di Diritto dell’Istituto Alberghiero di Ladispoli e dalla Prof.ssa Antonella Mancaniello, Socia del Lions Club Roma Augustus. Lunedì 10 febbraio, nell’Aula Magna di via De Begnac, si è svolto il convegno che ha visto come relatore il Prof. Mariano Malavolta, Docente di Storia Romana dell’Università ‘Tor Vergata’ di Roma  e membro della Società Dalmata di Storia Patria, anch’egli Socio del Lions Club Roma Augustus.

A introdurre i lavori, con una descrizione del contesto storico di riferimento, è stata la Prof.ssa Lucia Denise Marcone, Docente di Lettere dell’Istituto Alberghiero di Ladispoli. In rappresentanza dell’Amministrazione Comunale di Ladispoli, c’era l’Assessore al Commercio e alle Attività Produttive Francesca Lazzeri, che ha sottolineato la complessità della storia del Novecento, ribadendo l’importanza di ricordare il tragico capitolo delle foibe, troppo a lungo negato e assente dai manuali scolastici e dai libri di storia.

L‘iniziativa si inserisce in un percorso formativo che ha come obiettivo quello di studiare eventi complessi che richiedono un adeguato approfondimento e la conoscenza precisa non solo della storia, ma anche della ‘geografia della storia’. Come già fatto in occasione della Giornata dedicata alle vittime della Shoah lo scopo è quello di educare le nuove generazioni a conoscere la propria storia, anche nelle sue pagine più drammatiche, per costruire una solida memoria collettiva.

FOIBE2Il Prof. Mariano Malavolta ha ricostruito la complessa vicenda storica delle terre istriane, fiumane e dalmate, dall’antica romanizzazione al dominio della Repubblica di Venezia per passare alla politica snazionalizzatrice e prevaricatrice della dittatura fascista e all’occupazione nazista durante la Seconda Guerra Mondiale, fino ad arrivare al drammatico capitolo delle foibe e al Trattato di Parigi del 1947. «In genere, la memoria alimenta la storia – ha osservato il Prof. Malavolta, invitando gli studenti a una conoscenza oggettiva e imparziale degli eventi del passato – ma stavolta la memoria è stata ‘soffocata’»

L’incontro si è concluso proponendo agli studenti l’intervento del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che il 10 febbraio 2007, a 60 anni dal Trattato di Parigi, ricordò agli Italiani l’importanza di alimentare la memoria storica, per costruire un presente e un futuro condiviso. “Da un certo numero di anni a questa parte – ricordava Giorgio Napolitano – si sono intensificate le ricerche e le riflessioni degli storici sulle vicende cui è dedicato il “Giorno del Ricordo” e si deve certamente farne tesoro per diffondere una memoria che ha già rischiato di esser cancellata, per trasmetterla alle generazioni più giovani,… Quel che si può dire di certo è che si consumò – nel modo più evidente con la disumana ferocia delle foibe – una delle barbarie del secolo scorso. Perché nel Novecento – l’ho ricordato proprio qui in altra, storica e pesante ricorrenza (il “Giorno della Shoah”) – si intrecciarono in Europa cultura e barbarie. E non bisogna mai smarrire consapevolezza di ciò nel valorizzare i tratti più nobili della nostra tradizione storica e nel consolidare i lineamenti di civiltà, di pace, di libertà, di tolleranza, di solidarietà della nuova Europa che stiamo da oltre cinquant’anni costruendo

Roberto Tamburi, Responsabile Marketing e Comunicazione di Club